“Alfio Peraboni ci ha lasciati” 
La vela italiana piange la scomparsa di uno dei suoi piu grandi campioni

Campione certamente in acqua perche' vinse tra l’altro due bronzi olimpionici negli anni 80 insieme con Giorgio “Dado” Gorla, un titolo mondiale e due europei, ma ancor piu campione di vita per i tanti ragazzi che grazie alla passione del “gigante buono” sono cresciuti alla vela autentica fatta di fatiche ma anche di grandi soddisfazioni. Capitava spesso di trovarlo in acqua in occasione delle regate sul Lario. Seguiva costantemente i suoi ragazzi ed era sempre disponibile a dare buoni consigli a tutti i suoi Amici. Ci mancherai Alfio, ci manchera’ il tuo sorriso, ci manchera’ il tuo buon umore, ci mancheranno i tuoi insegnamenti. Conserveremo gelosamente nel profondo del nostro cuore tutti questi ricordi
Sentite condoglianze alla Famiglia.
(Redazione Lariovela.it)


[ commenta ] ( 53 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1572 )
il CST fa centro con il Raduno Velico di Natale 
Cerro di Laveno – Lago Maggiore.
“Abbiamo trascorso una piacevolissima giornata in vostra compagnia!, Bella l’idea di coinvolgere le nostre mogli con il concorso delle torte, E’ stato bello .....ho avvertito entusiasmo negli equipaggi, Pur non essendo arrivato tra i primi, ho ricevuto dei bellissimi premi, Complimenti all’Organizzazione per la calorosa accoglienza e agli Sponsor per la loro generosita’” Queste solo alcune delle dichiarazioni raccolte tra i partecipanti alla Veleggiata di Natale organizzata quest’anno dal Centrovela Sailing Team di Cerro di Laveno. Nonostante le rigide temperature della stagione, domenica scorsa sulla linea di partenza erano presenti una ventina di equipaggi giunti dai Circoli rivieraschi del centro e basso lago. La manifestazione apprezzata dai croceristi per la convivialita’ subito instauratasi tra i partecipanti e’ stata altresi' gradita anche da alcuni regatanti di lungo corso. Al termine della veleggiata che ha tenuto impegnato gli atleti poco meno di un’oretta, le imbarcazioni hanno potuto ormeggiare al grande pontile posizionato di fronte alla sede del CST. Sbarcati equipaggi e cambusa si e’ potuto dare inizio alla festa. Il Comitato di accoglienza si e’ prodigato da subito nella distribuzione dell’ottimo vin brule’ nel frattempo la Giuria dei golosi composta da Simona Cavalli, Anna Brovelli ed il Gen. Giovanni Fantasia si accingeva con grande professionalita’e competenza all’assaggio delle torte. Alle dodici e trenta la distribuzione dei doni. Premiati i primi di entrambe le categorie: per la Vela l’equipaggio di ITA 71 condotto da Giulio Talachini su Melges 24 a cui e’ stato consegnato dallo sponsor Lariovela uno scrigno di liquori mentre al provetto cuoco e armatore di Argo Nytec 23 S. Martignoni e’ stato consegnata la cesta di prodotti di Altro Mercato. E prima e dopo il rinfresco l’estrazione di ulteriori cesti Lariovela e degli accessori di arte marinaresca offerti dallo Sponsor Anna Brovelli dell’omonimo cantiere di Angera nuova concessionaria della COMAR per Lombardia. Si ringrazia il responsabile vendite COMAR Dott. Mauro di Giovanni per la gradita partecipazione all'evento. La manifestazione iscritta come raduno nel calendario della Federazione Italiana Vela XV^ zona, godeva del Patrocinio dell’Assessorato allo Sport del Comune di Laveno Mombello. Le foto dell'evento sono visionabili a questi link Centrovela.it, Comet285.it
(Redazione Lariovela.it)

[ 1 commento ] ( 196 visite )   |  permalink  |   ( 2.9 / 1595 )
VELEGGIATA DI NATALE 
(Comunicato Stampa del 23 Nov. 2010)
Quando i primi segni dell’inverno sono visibili sulle creste delle montagne e le feste natalizie sono cosi vicine che la gente stremata per le corse, sente il solo desiderio di starsene comodamente a casa a leggersi un buon libro, un manipolo di appassionati velisti del Verbano ogni anno si preparano a dare vita alla piu singolare manifestazione del panorama velico natalizio..La Veleggiata di Natale evento che gode del patrocinio del Comune di Laveno Mombello nasce e si sviluppa negli anni dalla felice intuizione di un gruppo di soci dell’Associazione Velica Monvalle. Quest’anno su sollecitazione dei promotori i responsabili del Centrovela Sailing Team di Cerro di Laveno organizzeranno l’evento presso il proprio Circolo. Sara’ dunque lo specchio di lago antistante la sonnacchiosa localita’ di Cerro di Laveno ad animarsi dando vita ad un tripudio di vele di forge, colori e dimensioni diverse. Ma i responsabili del CST non potevano limitarsi a riproporre l’evento originario ecco allora che ad affiancare la gia blasonata manifestazione con una sorta di evento nell’evento la bella iniziativa del concorso di cucina. L’idea come tutte le migliori nasce dalla necessita’ di proporre a fine veleggiata un modo simpatico per scambiarsi gli Auguri davanti ad un buon piatto unitamente ad classico calice di vin brule’. Cuochi e cuoche velisti e non, siete dunque invitati a dare il meglio di voi stessi nella preparazione delle torte salate che costituiranno in prima istanza l’unica tassa d’iscrizione alla regata e che prenderanno poi parte al concorso di cucina che una giuria irreprensibile scelta dagli esperti del CST sara’ chiamata ad esprimersi per assegnare il premio alla piu’ gustosa pietanza natalizia. E se ancora il tutto non fosse stato sufficiente a riscaldare gli animi dei partecipanti ecco aggiungersi l’estrazione dei cesti natalizi gentilmente offerti dagli Sponsor. Sara’ per il clima conviviale che pervade un po tutti in questo periodo, sara’ per la felice collocazione spazio/temporale sara’ per quel che sara’, sta di fatto che la veleggiata di Natale ha da sempre attirato un buon gruppo d’appassionati che ogni anno con amici parenti e conoscenti si ritrovano volentieri per “tirare” gli ultimi bordi dell’anno. Insomma tante le iniziative in campo per un unico scopo divertire e divertirsi solcando a vela il nostro amato lago e ritrovarsi in compagnia per festeggiare le imminenti Feste. Se avete avuto la pazienza di seguirci fino a qui significa che anche voi meritate di stare con l’allegra compagnia! Iscrivetevi dunque alla veleggiata compilando il modulo che troverete nelle pagine dedicate all’evento del sito www.centrovela.it unitamente alle indicazioni relative alla veleggiata.

Il Programma:
Ore 9:15 ritrovo delle barche nello specchio acqueo antistante Cerro di Laveno e contestuale consegna delle torte salate o panettone. E’ possibile sbarcare temporaneamente dal pontile antistante la sede del CST.
Ore 9:30 condizioni permettendo inizio delle procedure di partenza (nel bando tutti i chiarimenti del caso).
Ore 11:00 circa fine della Veleggiata.
Ore 12:30 Premiazione della torta salata piu gustosa a seguire rinfresco ed estrazione dei cesti natalizi.

Vi aspettiamo piu’ numerosi che mai!
(enea beretta – Lariovela.it)

[ commenta ] ( 39 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1584 )
Verbano Skiff – Campionato Meteor del Verbano 
(Comunicato stampa di chiusura evento)
Alla sua seconda edizione il Verbano Skiff riscuote un buon successo di partecipazione soprattutto tra i regatanti della flotta ISO scesi in acqua al gran completo. Certo i numeri non sono quelli dei laser ma le premesse per un ulteriore sviluppo della flotta verbanese non mancano grazie soprattutto alla determinazione di un manipolo di regatanti che in soli due anni ha saputo trasmettere conoscenze e passione ad altri amici. Con loro hanno preso parte all’evento organizzato dal Centrovela Sailing Team di Cerro di Laveno anche regatanti di Musto e Buzz e una decina di ragazzini del CST imbarcati sui loro variopinti RS Feva. Insomma un bel colpo d’occhio per chi ha avuto la fortuna di seguire le evoluzioni di questi ragazzi che si sono dati battaglia tra le giornate di sabato e domenica scorsa. Novita’ di questa edizione la presenza di un discreto numero di regatanti della classe Meteor capitanati dal loro referente Marco Sacchi e che hanno scelto l’evento di Cerro per chiudere il campionato estivo. Per la verita’ la giornata di sabato non e’ stata delle migliori dal punto di vista del vento a causa di una perturbazione in transito che impedito di fatto alle termiche tipiche stagionali del centro lago di spirare come di consueto. Ci si aspettava infatti una bella inverna (vento termico da sud ndr) ed invece una flebile tramontana ha imperversato su tutto il centro lago. Dal primo mattino della domenica pero’ un gagliardo maggiore (vento barico da nord) ha permesso a tutti i partecipanti di completare la long distance su un percorso a triangolo disposto tra le localita’ di Cerro, Laveno e Belgirate nei tempi prefissati. Grande dunque la soddisfazione di tutti in modo particolare degli organizzatori che tanto si sono prodigati perche’ l’evento potesse svilupparsi nel migliore dei modi. Tra i componenti del gruppo di lavoro nomi noti al mondo della vela tra Istruttori federali e Ufficiali di gara. Contemporaneamente all’evento sportivo al fine di favorire l’amicizia tra i partecipanti e’ stata organizzata per sabato sera la cena di gala in un noto ristorante della zona alla quale hanno partecipato una cinquantina di persone tra regatanti, consorti amici e conoscenti tra loro l’Ospite d’onore il Dott. Roberto Bianchi Assessore allo Sport del Comune di Laveno Mombello. Altrettanta partecipazione s’e’ avuta in occasione della cerimonia delle premiazioni a conclusione delle due intense giornate alla quale e’ seguito il tradizionale rinfresco. Il Comitato di Regata presieduto dall’Ufficiale Enea Beretta si e’ complimentato per la perfetta organizzazione dell’evento ma soprattutto per l’ottimo servizio di assistenza in acqua. “ Ha vegliare su grandi e piccini” ha precisato il direttore di gara “ ho trovato ottimi marinai perfettamente in grado di fronteggiare ogni necessita’” . La manifestazione godeva del patrocino dell’Assessorato allo Sport del Comune di Laveno Mombello e della Federazione Italiana Vela. Le foto dell'evento nel fotoalbum Segue classifica:
(Uff. stampa Centrovela Sailing Team)

Risultati Feva

No Numero Nome Punti 1 2
1 1 Tropeano Giulio, Feva, 1395-15-CENTROVELA SAILING TEAM ASSOCSPORTTDILET 2,0 1 1
2 2 Guillou Umi, Feva, 1395-15-CENTROVELA SAILING TEAM ASSOCSPORTTDILET 5,0 3 2
3 3 Del Pozo Frederick, Feva, 1395-15-CENTROVELA SAILING TEAM ASSOCSPORTTDILET 6,0 2 4
4 4 Tebaldi Adriana, Feva, 1395-15-CENTROVELA SAILING TEAM ASSOCSPORTTDILET 7,0 4 3

Risultati Meteor

No Numero Nome Punti 1
1 59 Sacchi Marco, Meteor, 419-15-A.V. ALTO VERBANO SOC DILET COOP 5,0 5
2 189 Todeschini Pierandrea, Meteor, 565-15-ASS VEL MONVALLE COOP SPORT DIL 6,0 6
3 692 Crenna Piercarlo, Meteor, 081-02-C V TRASIMENO ASS SPORT DIL 7,0 7
4 482 Baiocchi Lorenzo, Meteor, 565-15-ASS VEL MONVALLE COOP SPORT DIL 8,0 8
5 146 Migoni Angelo, Meteor, 565-15-ASS VEL MONVALLE COOP SPORT DIL 9,0 dnf

Risultati ISO

No Numero Nome Punti 1 2
1 1195 Gatti Fulvio, ISO, 445-15-CIRCOLO VELA ISPRA ASS. DILETT. 5,0 4 1
2 878 Molinari Roberto, ISO, 445-15-CIRCOLO VELA ISPRA ASS. DILETT. 5,0 2 3
3 9 Guidolin Lorenzo, ISO, 442-15-U V MACCAGNO ASS SPORT DIL 7,0 5 2
4 568 Donelli Luca, ISO, 443-15-GDV LNI VARESE 12,0 3 9
5 1200 Monciardini Marco, ISO, 1395-15-CENTROVELA SAILING TEAM ASSOCSPORTTDILET 17,0 1 dnf
6 930 Castiglioni Paolo, ISO, 430-15-C.V.MEDIO VERBANO ASS SPORT DIL 23,0 7 dnf
7 722 Locati Marco, ISO, 445-15-CIRCOLO VELA ISPRA ASS. DILETT. 32,0 dnf dnf
7 927 Ferrario Massimo, ISO, 1395-15-CENTROVELA SAILING TEAM ASSOCSPORTTDILET 32,0 dnf dnf

Risultati Overall Long Distance

No Numero Nome Punti 2
1 559 Minella Marco, Buzz, 430-15-C.V.MEDIO VERBANO ASS SPORT DIL 1,0 1
2 1195 Gatti Fulvio, ISO, 445-15-CIRCOLO VELA ISPRA ASS. DILETT. 2,0 2
3 9 Guidolin Lorenzo, ISO, 442-15-U V MACCAGNO ASS SPORT DIL 3,0 3
4 878 Molinari Roberto, ISO, 445-15-CIRCOLO VELA ISPRA ASS. DILETT. 4,0 4
5 59 Sacchi Marco, Meteor, 419-15-A.V. ALTO VERBANO SOC DILET COOP 5,0 5
6 189 Todeschini Pierandrea, Meteor, 565-15-ASS VEL MONVALLE COOP SPORT DIL 6,0 6
7 692 Crenna Piercarlo, Meteor, 081-02-C V TRASIMENO ASS SPORT DIL 7,0 7
8 482 Baiocchi Lorenzo, Meteor, 565-15-ASS VEL MONVALLE COOP SPORT DIL 8,0 8
9 568 Donelli Luca, ISO, 443-15-GDV LNI VARESE 9,0 9
10 146 Migoni Angelo, Meteor, 565-15-ASS VEL MONVALLE COOP SPORT DIL 16,0 dnf
10 406 Bozzato Luigi, Musto, 565-15-ASS VEL MONVALLE COOP SPORT DIL 16,0 dnf
10 722 Locati Marco, ISO, 445-15-CIRCOLO VELA ISPRA ASS. DILETT. 16,0 dnf
10 927 Ferrario Massimo, ISO, 1395-15-CENTROVELA SAILING TEAM ASSOCSPORTTDILET 16,0 dnf
10 930 Castiglioni Paolo, ISO, 430-15-C.V.MEDIO VERBANO ASS SPORT DIL 16,0 dnf
10 1200 Monciardini Marco, ISO, 1395-15-CENTROVELA SAILING TEAM ASSOCSPORTTDILET 16,0 dnf



[ commenta ] ( 42 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1558 )
2° Verbano Skiff e finale del Campionato Meteor del Verbano 
Il 25 e 26 Settembre nello specchio acqueo antistante l’abitato di Cerro di Laveno si disputera’ la finale del campionato zonale di classe meteor in contemporanea con la seconda edizione del Verbano skiff. Entrambe le manifestazioni che godono del patrocinio dell’Assessorato allo Sport e Turismo del Comune di Laveno Mombello e della Federazione Italiana Vela sono promosse dal gruppo di lavoro del Centrovela Sailing Team. Numerose le facilities messe a punto per accogliere al meglio imbarcazioni e regatanti. a cominciare dall’interessante pacchetto tessera FIV, Visita Medica, Iscrizione al Circolo offerta al prezzo promozionale di Euro 30. Gli interessati potranno presentarsi in segreteria dalle ore 10:30 alle 12:00 di sabato 25 settembre per il disbrigo delle pratiche e per sostenere la visita medica. Il programma prevede per la prima tornata di regate due prove su un percorso classico a bastone con segnale d'avviso per le ore 13:30 mentre la long distance che si sviluppera’ su un percorso a triangolo tra gli abitati di Laveno Belgirate e Cerro, partira’ domenica alle ore 8:30. Sabato sera gran gala' per regatanti e consorti presso il ristorante L’Angolo dei Pescatori di Cerro a partire dalle ore 20:30 con prenotazione obbligatoria. Di fronte alle sede del Circolo sara’ possibile ormeggiare temporaneamente le imbarcazioni per il disbrigo delle pratiche mentre per coloro che avessero necessita’ di sostare sono disponibili alcune boe che verranno assegnate in ordine di richiesta. Il Circolo dispone inoltre di foresteria al prezzo di Euro 15 a notte previa prenotazione. La flotta Meteor del Verbano capitanata da Marco Sacchi ha programmato quest’anno il campionato zonale su cinque eventi a cominciare dal trofeo Magnaghi del 10-11 Aprile seguito dal "Santa Caterina del Sasso" dell’8-9 maggio, "La vela per la vita" del 12 giugno, "la regata delle due rocche" del 26 giugno e le tre prove conclusive di Cerro del 25-26 Settembre. A guidare la classifica provvisoria e’ "Gilda" di A. Magoni con 8 punti seguito da "Agap" di L. Baiocchi (15) "Bisturi" di Gasparini – Crenna (27). Dal podio a parimerito e soli tre punti di distacco seguono ben tre imbarcazioni "Ska" di Todeschini, "How Lucky" di Speroni e "3 Jolie" di M. Magnaghi ma "se scorriamo la classifica sono ancora molte le imbarcazioni che possono tentare la scalata al podio ragion per cui mi attendo una partecipazione numerosa" cosi il Capoflotta Sacchi. Quanto agli skiff gia’ in occasione della prima edizione erano presenti poco meno di una ventina di equipaggi giunti anche dal Lario e dal Garda e in quella occasione fu il responsabile sportivo del CST Massimo Ferrari appassionato regatante di iso skiff ha portarsi a casa la vittoria. Quest’anno il defender ha fatto sapere che saranno in tanti a battersi all’ultimo bordo per strappargli l’agognato trofeo. Domenica nel tardo pomeriggio e’ prevista la cerimonia delle premiazioni alla presenza delle Autorita’ locali alla quale seguira’ un rinfresco per tutti i partecipanti. Sono previsti premi per i primi tre classificati per ogni classe e il primo della classifica "overall" in tempo corretto (Yardstick 2010). Il bando, il modulo di iscrizione unitamente ad altre utili informazioni sono reperibili sul sito dell’Associazione all’indirizzo www.centrovela.it .
(enea beretta - lariovela.it)



[ commenta ] ( 36 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1526 )
6° Zonale laser Sass Gallet - Calde' - Lago Maggiore - 10 11 luglio 2010 
Non e’ mia consuetudine dare consigli se non richiesti ma se non siete mai stati a Calde’; ridente abitato che s’affaccia sulla sponda Lombarda del lago Maggiore poco sopra la cittadina di Laveno Mombello, ebbene ci dovete andare. Un panorama da favola incorniciato in un seno scampato allo sfruttamento edilizio dove case e villette costruite nel periodo dei primi novecento nello stile Liberty del tempo, s’affacciano sulle acque piu cristalline che abbia mai visto sul Verbano. Gente cordiale e laboriosa che si fa in quattro per farti sentire a tuo agio. Queste le sensazioni raccolte in questo fine settimana presso il Circolo Nautico Calde’ in occasione della regata velica zonale laser Sass Gallet. Un Circolo molto vivace grazie ai suoi soci e al suo attivissimo Presidente Paolo Fizzotti. Tante le iniziative che nell’arco dell’anno vengono promosse dalla dirigenza di gran successo perche’ qui tutti lavorano dai piu giovani ai meno giovani con intensita’ e voglia di fare bene. Nello scorso fine settimana hanno organizzato la sesta prova del campionato zonale laser che ha visto la partecipazione di poco meno di una sessantina di atleti suddivisi nelle classi standard, radial, 4.7, Bug Race, Bug Standard. Quattro le prove in programma e quattro quelle disputate di cui tre nel pomeriggio sotto una inverna altalenante di 2,5, 3,5 m/s e una con tramontana alla buonora con vento di poco piu intenso, d’altro canto sono le tipiche situazioni d’aria di un periodo estivo particolarmente afoso. Il Comitato di Regata presieduto dall’ufficiale Tersillo Moretti con Cristina Beretta e Graziano Della Rossa di supporto, ha posizionato un campo di regata classico a quadrilatero con una variante inserita per permettere ai piccoli Bug di completare il percorso nei tempi stabiliti. A vegliare sulla regolarita’ della conduzione per il rispetto della Regola 42 l’Ufficiale Internazionale nonche’ vicepresidente della XV^ zona Roberto Pedriali. “Salvo qualche caso sporadico subito sanzionato, in generale non abbiamo riscontrato grosse irregolarita’ nonostante le condizioni d’aria in piu occasioni sarebbero state foriere di situazioni da semaforo giallo” cosi l’Ufficiale chiamato ad affiancare la Giuria. Scorrendo le classifiche notiamo una preminente partecipazione di atleti verbanesi con gruppi abbastanza consistenti provenienti dal Lario che hanno dominato le classi radial e 4.7. Partendo dai piu piccini Bug Std vince Minella Enrico seguito da Garrasi Bianca entrambi del circolo vela Ispra. Nella Bug Race e’ ancora il circolo vela ispra a dominare il podio con Ribaldi Roberto seguito da Ayala Elia e Visconti Federico. Nella classe 4.7 e’ la bravissima Rusconi Francesca (nella foto) del Circolo vela Bellano a dominare indisturbata seguita da Villa Nicolo’ della Lega Navale di Mandello del Lario e ancora un atleta di Bellano Benvenuto Riccardo. Nella Radial la campionessa Valsecchi Giovanna dello YC Como che non ha lasciato spazio a nessuno. Tre prime posizioni posizioni con distacchi abissali rispetto al resto della flotta. “Non mi sono piazzato male tra i comuni mortali” cosi un atleta della radial facendo intendere che la Valsecchi e’ inavvicinabile. Infine nella Standard a vincere il padrone di casa Marco Fizzotti figlio del Presidente con un secondo due primi e un quarto poi scartato seguito dal compagno Parola Carlo Alberto e da Invernici Stefano del Circolo Medio Verbano. Due intense giornate coccolati e rifocillati dalle attenzioni delle graziose Signore del Circolo Vela Calde’ conclusi con una cerimonia delle premiazioni particolarmente sentita da tutti regatanti compresi che ben si sono prestati a farsi immortalare nelle foto che trovate nel fotoalbum di Lariovela.it.
(enea beretta Lariovela.it)


[ commenta ] ( 42 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1565 )
Rally Velico Del Verbano Comunicato di chiusura evento 
Un forte temporale si scatena nel temibile canalone decimando la flotta

C’e’ gia chi lo ha ribattezzato il Fastenet del lago o chi addirittura spingendosi oltre, la Sidney Hobart del Verbano. Sembra impossibile che in un lago prealpino si possano determinare situazioni proibitive ma cosi e’ accaduto nella notte tra sabato e domenica dello scorso fine settimana in concomitanza con la seconda edizione del Rally Velico del Verbano. Sembra proprio che l’ira di Giunone abbia scatenato venti ed onde talmente insidiose da provocare il ritiro del settanta percento delle imbarcazioni partenti. Alle 17:10 in occasione del segnale di via, una inverna (vento termico da sud ndr) di circa 3 m/s sospinge le imbarcazioni suddivise nelle tre categorie A, B, Comet, e x due verso l’alto lago e nulla fa presagire che di li a poco si sarebbe scatenato il piu temibile dei temporali estivi. Il servizio di routage dell’organizzazione grazie al sistema di trasponder Ghostway installato sulle imbarcazione in grado di localizzare istante per istante la posizione degli equipaggi, avvetiti i prodomi dell’instabilita’ si accinge a stilare un comunicato ai partecipanti. Una profonda depressione e’ presente nella valdossola e l’intesita’ dei venti da essa generata e’ marcatissima. Nonostante cio’ la previsione a breve non e’ preoccupante. Si decide di innalzare il livello di preallarme dal grado 1 al grado 2 ma ancora non si ritiene di avvisare i concorrenti in quanto nel basso lago i temporali sono in via di dissolvimento. Nel frattempo un forte vento da Nord Est con punte intorno ai 30 Kn (Maggiore) si insinua nella parte alta del lago provocando un importante moto ondoso. Nel canalone che qualcuno ha ribattezzato stretto di Bass la corrente e le onde si fanno insidiose e la risalita di bolina stretta alquanto difficoltosa. Molte imbarcazioni con i candelieri ripetutamente in acqua decidono di mettersi a secco di vele in attesa che la situazione migliori. Intanto un'avaria al timone costringe al ritiro "Catundra" di Andrea Marelli in testa sino a dopo il passaggio delle isole di Brissago altre avarie costringono al ritiro le imbarcazioni che si trovano nel canalone sotto temporale. Le telefonate si susseguono c’e’ chi ha rotto una sartia chi il carrello del fiocco chi una vela, insomma la situazione si fa preoccupante. Gli equipaggi in doppio allo sfinimento decidono di ritirarsi cercando un ridosso per prendere fiato ma la situazione non e’ delle piu facili perche’ pare che imbarchino acqua a causa di una baderna non perfettamente rifatta. Intanto il Franchi 28 "ITA-2812" di Gabriele Sella grazie all’efficienza del mezzo e alla professionalita’ dell’equipaggio raggiunge la boa luminosa di Belgirate e verso le 01:15 si accinge a tagliare la linea di arrivo portanto a termine la sua regata. Ad attenderli il gommone dell’organizzazione che insieme ai complimenti gli affida una bottiglia di pregiato Champagne per i meritati festeggiamenti. "Sono stanti momenti indimenticabili" riferiranno in seguito i regatanti. Rimangono in gara il Surprise "Kebirba" ITA 1331 di Tomaso Marmount e il Comet 1050 "Forever in the wind" del vicepresidente del CST Augusto Deghi che arriveranno rispettivamente alle 02:38 e 03:38 con un ora esatta di distacco l’uno dall’altro Alle 04:10 la sala operativa del Centrovela Sailing Team presidiata dall’Ufficiale di Gara Enea Beretta chiude i battenti non prima d’essersi assicurato che tutti i regatanti siano in salvo presso i porti limitrofi. Alle 18:30 della Domenica alla presenza di una nutrita rappresentanza degli equipaggi la cerimonia delle premiazioni seguita dal un rinfresco degno delle migliori organizzazioni. La manifestazione godeva del patrocinio di partners istituzionali quali l’Assessorato allo Sport e Turismo del Comune di Laveno Mombello e della Federazione Italiana Vela. Un grazie particolare va ai marinai della vedetta della Capitaneria di Porto e del servizio di Guardia Costiera del Verbano che hanno vegliato tutta la notte sulla sicurezza dei regatanti e al servizio di routage dell’organizzazione per la preziosa consulenza ai regatanti. Il sistema di localizzazione fornito da Lariovela.it si e’ dimostrato determinante per affrontare con tempestivita’ le situazioni di potenziale pericolo senza contare che mogli /mariti morose/morosi grazie alle credenziali fornite dall’organizzazione hanno potuto seguire in internet le evoluzioni dei propri cari. Lo storico delle rotte rimarra’ a disposizione dei singoli regatanti e curiosi per circa un paio di mesi. Il definitiva il Rally Velico del Verbano si dimostra sempre di piu’ una regata per “veri marinai” con buona pace di tutti coloro che insistono nel definire il Verbano un lago “poco arieggiato”. Nel fotoalbum una selezione dei migliori scatti a cura di Comet285.it e Lariovela.it.
(Redazione Lariovela.it)


[ 1 commento ] ( 57 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1601 )
3-4 Luglio 2010 - 2° edizione del Rally velico del Verbano. Per riscoprire il piacere di navigare in notturna 
Si contano sulle dita di una mano le regate in notturna organizzate sui nostri laghi prealpini ragion per cui chi desidera provare le intense sensazioni di questa particolare navigazione non puo’ lasciarsi sfuggire l’occasione. Nel prossimo fine settimana 3 -4 Luglio andrà in scena la seconda edizione del Rally Velico del Verbano a cura del Centrovela Sailing Team di Cerro di Laveno. La manifestazione ideata proprio per riprendere la tradizione delle regate notturne che negli anni '70 - '80 si svolgevano sul Lago Maggiore quali la "Maxiverbano", la "Crociera del Verbano" o le prime "Regate del Nostromo" è aperta a tutti i tipi di cabinati a vela, in particolare modo alle barche da Crociera decisamente piu confortevoli sui lunghi tragitti. Il percorso si snoda tra l’abitato di Cerro di Laveno (partenza ore 17:00) verso l’"Isola dei conigli" (la più a Nord delle Isole di Brissago) poi verso sud sino a Belgirate (Hotel Villa Carlotta) ed infine ritorno a Cerro (arrivo) per un totale di 42 miglia. L'orario di partenza (ore 17.00) è stato scelto per permettere a chiunque abbia la propria imbarcazione sul Lago Maggiore, di potere arrivare sulla linea di partenza senza dovere sostare in altri porti. Di fronte alla sede c'è un pontile (max 8/9 posti) per ormeggio temporaneo, utile per eventuali imbarchi o disbrigo formalità. Dalla segreteria del CST ci fanno sapere che quest'anno, ragioni di calendario FIV non è stato possibile programmare la regata in un we di luna piena (non sentirete nessuno ululare...).Infine come per la scorsa edizione Lariovela.it mettera’ a disposizione dei regatanti il sistema di posizionamento GPS GHOSTWAY che permetterà di vedere istante per istante i percorsi durante tutta la manifestazione. Sarà possibile seguire le rotte di ogni singola imbarcazione sulle mappe di Google dalla sede del circolo o direttamente da casa richiedendo via email l’apposito codice. Ulteriori informazioni sono reperibili nel Bando di Regata e nel sito dell’associazione www.centrovela.it nelle pagine dedicate all’evento. La regata gode del patrocinio di partners istituzionali quali l’Assessorato allo Sport e Turismo del Comune di Laveno Mombello e della Federazione Italiana Vela.
(enea beretta Lariovela.it)


[ commenta ] ( 39 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1430 )
25 Giu 2010 Mauro Esposti presenta il suo portolano del lago di Como 
Ci sono voluti quattro anni per realizzare il portolano del Lario opera presentata venerdi scorso nelle stupenda cornice di Villa del Grumello in Como alla presenza dei rappresentati delle Camere di Commercio di Lecco e Como e da una nutrita schiera di appassionati d’arte marinaresca. L’autore l’Arch. Mauro Esposti appassionato velista ha dichiarato d’essersi ispirato per formato e scelte ad analoghe pubblicazioni francesi. Il portolano del lago di Como sara’ acquistabile il 2 luglio come inserto al quotidiano La Provincia al prezzo di euro 15 e contemporaneamente distribuito presso le librerie specializzate. Ne sono state stampate piu di diecimila copie ma si pensa che sara’ necessario provedere ad una nuova ristampa perche’ gli ordinativi hanno abbondantemente superato le disponibilita’. L’ultima pubblicazione analoga risale ai primi anni 80 e da allora la nautica da diporto lariana ha fatto passi da gigante. Nuove strutture pubbliche e private sono nate e le piu anziane sono state interamente ristrutturate. Suddiviso in tre sezioni: ramo occidentale, orientale e alto lario proprio in relazione alle specificita’ dei tre bacini l’opera si presenta in un formato comodo da tenere in barca e da sfogliare alla bisogna. In una prima fase continua l’autore abbiamo messo in bella copia tutti gli appunti raccolti su fogli inumiditi nelle fredde giornate invernali ( in estate non c’e’ tempo perche’ si regata ndr) in seguito definita una griglia abbiamo fatto passare tutti gli approdi, nonostante cio’ ci rendiamo conto che sara’ necessario pensare ad una revisione perche’ il portolano gia per sua natura ha una scadenza naturale e in questo caso trattandosi della prima edizione qualcosa puo’ essere sfuggito. Contiamo in tal senso nella collaborazione di tutti gli utenti del lago per gli aggiustamenti futuri. A breve verra’ attivato un sito internet dove inviare queste indicazioni. Nella parte introduttiva e’ possibile consultare informazioni di carattere generale comprese le indicazioni della meteo elemento importantissimo per la navigazione lacustre. Nelle pagine interne le parti relative ai dati sono riportate con carattere di maggior formato a cominciare dalle coordinate geografiche di tutti gli approdi pubblici e privati. In seguito si possono trovare indicazioni circa i servizi a disposizione con i riferimenti telefonici e il nome dei referenti. Nella parte dedicata all’avvicinamento sono definiti gli skyline i punti cospicui le secche e i divieti per i diversi natanti nella terminologia tipica dei portolani. Nelle sezioni relative ai venti si possono trovare informazioni alle traversie o ai venti dominanti nelle diverse ore del giorno. Dove disponibile e’ indicato il canale VHF cui chiamare per informazioni o richieste di soccorso. Per ogni approdo e’ disponibile una planimetria con le indicazioni relative alle profondita’ medie unitamente a fotografie aeree fornite generosamente dal Consorzio dei laghi nella persona del Dott. Falanga che non finiro’ mai di ringraziare per la fattiva collaborazione. Infine qualche curiosita’ per analizzare i fondali abbiamo montato su un gommone pneumatico un eco scandaglio sofisticato che ci ha fornito anche indicazioni relative alla tipologia di fondale: ghiaia, sabbia, alghe etc unitamente ad una buona scorta di carburante (600 litri ndr) per navigare tra gli approdi.
Naturalmente a questo lavoro hanno contribuito diversi professionisti a cominciare dall’Amico di regate l’Ing Fabio Antonacci per il preziosissimo approfondimento meteorologico e per l’assistenza nelle fasi di rilevamento, stesura dei testi e impaginazione. Infine un grande ringraziamento al Circolo Vela Canottieri Domaso per l’importante supporto logistico nella fase di rilevamento a Dario Coppola per la pazienza nell’ordinare le informazioni raccolte e all’Arch Arianna Tomasina che ha meticolosamente mantenuto ordine ai miei pensieri collaborando all’intero progetto e il Dott. Gili dell’Istituto Geografico DeAgostini che da esigente editore ha supervisionato il progetto.
(enea beretta Lariovela.it)

[ commenta ] ( 49 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1620 )
20 Giugno – Alla Match Race di Intra gli allievi superano i maestri 
Sin dalle prime ore del mattino di Domenica nella splendida location del Circolo Canottieri Intra, fervono i preparativi per l’imminente match race. La giornata non e’ delle migliori durante la notte si sono susseguiti acquazzoni e le temperature sono scese molto al di sotto della media stagionale, nonostante cio’ i timonieri invitati dal Comitato Organizzatore si presentano alla segreteria al team arbitrale capitanato dall'IJ Roberto Pedriali e agli ufficiali di gara per il disbrigo delle ultime formalita’ desiderosi d’affrontare prima possibile la competizione. Tre di loro sono navigati in questa arte che vede il suo massimo acme nella Coppa America, per uno invece e’ la prima volta ed e’ naturale che sia un poco preoccupato. Ha studiato le procedure e la tattica di gara ma un conto e’ la grammatica altro e’ la pratica! Le quattro barche H22 messe a disposizione dall’organizzazione sono state normalizzate a coppie pertanto la pairing (la lista delle partenze ndr) e’ stata modificata di conseguenza per permettere di dare corso a match equanimi. Il campo di gara viene posizionato dal Presidente del Comitato di Regata Enea Beretta coadiuvato dagli Ufficiali Marco Nova e dal padrone di casa Allessandro Costanzo nei pressi della localita’ Ghiffa. Il venticello residuo dei temporali notturni non supera di 3m/s ed e’ piuttosto instabile di direzione nonostante cio’ il primo volo (primi due match ndr) viene portato a termine regolarmente ma nel frattempo la situazione meteo evolve e minacciosi temporali s’affacciano dalle montagne adiacenti. Per motivi di sicurezza si decide di annullare il secondo volo rimandando a terra i concorrenti che nel frattempo si trovano ad affrontare le prime sferzate di vento salito in breve a 10 m/s. Il Comitato di Regata decide di rimanere in posizione per analizzare da vicino l’evolversi della situazione ma il vento continua a salire prima a 12 poi a 15 m/s e poi ancora piu su ed allora si torna a terra nella speranza che passi la buriana. Il servizio meteo dell’organizzazione e’ sul piede di guerra le previsioni a breve termine danno vento in diminuzione ma la situazione reale e tutt’altro cosa. Nel frattempo i timonieri e i componenti del servizio di assistenza ne approfittano per riposarsi e fare uno spuntino. Verso le sedici la situazione si normalizza e il Comitato decide di far uscire le barche con randa terzarolata e fiocchetto. Il campo di gara nel giro di pochi minuti e’ di nuovo disposto grazie alla professionalita’ del servizio d’assistenza. I timonieri si scatenano in stupende manovre di circling per prendere o mantenere il controllo della gara. Il tenore della competizione si fa molto alto e dopo il primo round robin le prime due posizioni sono gia’ consolidate. La lotta per il primo e terzo posto si decide proprio nella prepartenza del volo conclusivo. Bertone riesce ad infilare una penalita’ a Milan e Benfatto fa altrettanto con Lattuada. La storia alla fine si conclude con l’allievo che supera il maestro. Il formato avrebbe previsto semifinali e finali ma manca il tempo e dunque les jeux sont fait e i regatanti se ne rendono conto. La giornata e’ stata lunga e faticosa ma ne valeva proprio la pena. A terra intanto ci si prepara per la cerimonia delle premiazioni alla quale seguira’ un bellissimo rinfresco per tutti. Ecco la classifica dopo due round robin 1) Bertone, 2) Milan, 3) Benfatto, 4) Lattuada.
(Redazione Lariovela.it)


[ commenta ] ( 43 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1526 )
L’Affascinante mondo dell’intangibile di e con Enzo Di Vera 
Sessantuno anni psicologo esperto di formazione manageriale e sportiva vive a Vicenza sposato con un figlio ex sportivo di arti marziali. Cosi si presenta Enzo Di Vera ai tanti velisti giunti a Milano da ogni dove per sentirlo parlare di mental training. “Mi sono sempre chiesto come potevo fare per vincere cosi a trentacinque anni mi sono iscritto all’universita’ con l’obiettivo di individuare “la differenza che fa la differenza”. Comprendere a fondo i meccanismi del campione non campione e’ sempre stato il mio pallino. Ho lavorato negli anni ottanta con la Mediolanum Sport all’epoca di Fabio Capello. Con lui ho e con i suoi ragazzi ho condiviso i primi approcci di mental training. Per otto anni ho seguito la squadra del Milan rugby e poi la nazionale di sci. Lo psicologo dello sport spesso viene confuso con lo psichiatra (colui che si occupa della patologia) o quando va meglio con lo psicoterapeuta. Talvolta vengo indicato come il motivatore anche se per la verita’ mi sentirei meglio se mi indicassero come sostenitore del team. Il processo di potenziamento interiore e’ un percorso abbastanza lungo e non senza ostacoli. Pensate sia semplice far recuperare ad uno sciatore quei quattro centesimi che fanno la differenza? Avete idea di cosa siano in termini di lunghezza quattro centesimi? Semplicemente una punta di sci eppure ci sono campioni che quella punta riescono sempre a portarla davanti agli altri. Cos’e’ che fa la differenza? Un bambino piccolo ha una sensazione di onnipotenza che pian piano l’ambiente e le persone lo condizionano. Figli di genitori depressi saranno sicuramente depressi. Quante volte avete detto ai vostri figli “lascia stare che sei troppo piccolo” ecco sappiate in quel momento voi avete creato le basi della fragilita’ dei vostri figli! Fortunatamente nello sport c’e’ stato chi ha creduto nello sviluppo delle qualita’ psichiche. Se ci fate caso i campioni hanno tutti gli stessi atteggiamenti. Per esempio quando si allenano e’ come se fossero realmente in gara. Dobbiamo partire dal concetto che ognuno di noi ha talento ma cio’ che serve e’ trovare la chiave per farlo uscire. Questo concetto e’ ancora piu’ valido se si va a lavorare con la disabilita’ sia fisica che mentale. Ho visto un cieco fare slalom con gli sci usando pochissimi ausili (un solo cicalino per segnalare la fine della porta). Si puo’ essere vincenti senza vincere? Se in coscienza ho utilizzato tutte quante le mie abilita’ per vincere ma sono arrivato ultimo si per me questo e’ comunque un vincente! Ci sono campioni che hanno le capacita’ fisiche ma non vincono perche manca loro la motivazione. La bravissima Schiavone quando s’e’ trovata in difficolta’ verso la fine del set non ha guardato avanti e neppure indietro ma si e’ concentrata su se stessa (“ho fatto un bel respiro” ha dichiarato nell’intervista) ritrovando in tal modo la sua giusta concentrazione. Si puo’ dunque allenare l’intangibile? Un pensiero una emozione una sensazione si possono allenare? L’Atleta che riesce a mettere il cuore dentro l’ostacolo raggiunge piu facilmente il suo obiettivo. Coscienza di se: Sappiate che il limite fisico e’ di 400 volte quello sensoriale.Quante flessioni pensate di riuscire a fare? Due, tre ,cinque ebbene il vostro fisico ne potrebbe fare molte di piu. Si parla di Peak Performance quando ci si trova in uno stato magico dove tutto fila per il meglio. Percezione soggettiva: (equilibrio fra abilita’ e sfida) La peak la si raggiunge quando esiste almeno una percentuale del 50% di riuscire ad arrivare primi. Vincere facile o partire perdenti non ci aiuta a trovare lo stato mentale definito Flow. Attenzione anche a dire “impossibile” perche in questo modo la profezia si autodetermina. La mia testa elabora cio’ che mi sono detto. L’atleta vincente dunque e’ una persona normale psicologicamente superiore capace di ottimizzare il proprio potenziale. L’Atleta dal punto di vista dello psicologo dello sport deve essere visto come un sistema composto da: LAVORO (allenamento, gara, pianificazione etc. etc), SOCIALE (rapp. Sociali, rapp, con se stesso, famiglia, sponsor, tifoseria etc) HOBBY (lettura, musica etc) SALUTE (fisica, emotiva, spirituale, morale). Il sistema atleta si deve integrare perche’ possa dare il massimo rendimento. In definitiva il talento si esprime se il carretto che sostiene l’atleta ha tutte le ruote gonfie. Tutte queste aree devono essere presidiate e quando tutto e’ per il meglio la differenza la fa un singolo pensiero. Scegliamo un atleta tra di voi che ha fatto qualche buon piazzamento (in sala c’e’ l’equipaggio che ha vinto la nazionale melges 24. Gli astanti insistono che ci vada uno di loro ndr) L’esperimento consiste nel valutare la forza di reazione su un braccio esercitata verso il basso dall’esaminatore in due diversi momenti. Nel primo caso chiediamo all’atleta di rivivere il suo momento di gloria e solo quando si trova in questo stato iniziamo l’esperimento. Ebbene il braccio reagisce talmente bene che l’esaminatore ha difficolta’ a piegarlo di 15 di gradi. Torniamo sull’atleta e chiediamogli di vivere la sua peggiore prestazione e solo quando si trova in questo stato mentale iniziamo l’esperimento. Tutti in sala hanno potuto constatare che in questo secondo caso il braccio dell’atleta ha subito una flessione di oltre 45 gradi.
Queste abilita’ mentali vanno allenate formulando degli obiettivi ma attenzione! Spesso l’obiettivo finale e’ il solo risultato. Sono bravo se vinco. Questa scelta genera ansia e l’ansia non permette di raggiungere lo stato di peak performance. L’attivazione emotiva dell’energia attraverso il training mentale permette di controllare l’ansia. I Processi attentivi o focus attentivi ci forniscono la capacita’ di stare dentro o fuori lo stato di peak controllando lo stress. Attenzione che senza una giusta dose di stress la prestazione si abbassa (stress vitale e positivo) l’eccesso pero’ genera panico, terrore. Ecco che in questo caso diventa vitale avere il controllo delle attivita’ immaginative (rappresentazione mentale delle immagini) Facciamo un esempio se io vi dicessi chiudete gli occhi e NON pensate a un elefante rosa sulla cui proposcite e’ avvinghiata una scimmietta blu. Buona parte di voi nonostante vi avessi detto di NON vedere avete esattamente visto la scena che vi ho descritto. Vedete come e’ suscettibile la nostra mente! Se non voglio vedere l’elefante la cosa migliore e’ cercarsi una distrazione. Se dico a me stesso non voglio essere nervoso ecco che la mia testa elabora in negativo. Meglio dunque focalizzare la nostra attenzione su “voglio essere rilassato e tranquillo”. Il controllo dei pensieri e’ una attivita’ di primaria importanza. Come si allena il fisico per raggiungere lo stato motorio ottimale cosi si deve fare anche per la mente. Allenamento psichico, riflessione e rappresentazione delle persone, colloquio e comunicazione. A tal proposito una curiosita’ che molti di voi non conoscono. E’ stato scientificamente provato che piu del 90% della comunicazione non e’ un fatto verbale ma di gesti, inflessioni del viso dal tono di voce etc. Per ottimizzare cio che siamo e non cio’ che vorremmo essere e’ necessario osservare gli avversari. L’allenamento mentale in definitiva ci aiuta a trovare il modo per parlare a noi stessi e a rappresentare gli altri”. (Chiedo venia al relatore e a tutti voi per le tante imprecisioni od omission riportate in questa relazione. Semmai foste interessati a sviluppare gli argomenti fin ora abbozzati vi invito a contattare i responsabili di Phi!Number o il relatore stesso. Chissa’ che non ne nasca un vero e’ proprio corso strutturato? ndr)
(enea beretta Lariovela.it)

[ commenta ] ( 35 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1531 )
Il campione interiore 
MERCOLEDI' 9 GIUGNO ORE 20.30 A MILANO
Ultimo appuntamento della primavera con la vela dei professionisti mercoledì 9 giugno alle h. 20.30 presso il ‘Fiori Oscuri’ (via Fiori Oscuri 3, Milano - zona Brera).Secondo la British Psycology Society, tra le più autorevoli organizzazioni al mondo nel campo delle potenzialità umane, l’allenamento mentale può contribuire a migliorare le prestazioni sportive fino al 57%. I risultati della Royal Yacht Association RYA (la Federazione vela inglese che per prima ha investito in questa pratica) ben si colgono nelle medaglie dei velisti britannici in quella che è a tutti gli effetti la manifestazione più impegnativa a livello mentale: le Olimpiadi. Un esperto illustrerà le tecniche e le opportunità per un top team.L’incontro in programma è dedicato a creare dunque consapevolezza nei confronti dell’allenamento psicologico, un aspetto della preparazione spesso trascurato che però fa la differenza tanto quanto la preparazione fisica e quella tecnica. La serata sarà condotta da Enzo Di Vera, una delle massime autorità in campo, che allena velisti olimpici (come Giulia Conti) e atleti di discipline sportive diverse, sia individuali e sia di team. Enzo Di Vera introdurrà all’ABC dell’allenamento basato sugli intangibili e ne illustrerà le conseguenze pratiche su: gestione dello stress, meccanismi di realizzazione degli obiettivi, relazione con sé stessi e con i propri compagni di squadra, superamento di un infortunio. Fattori determinanti per raggiungere prestazioni superiori e, soprattutto, fattori allenabili.I temi, affrontati nell’incontro di martedì 9 in maniera dinamica e interattiva, potranno poi essere approfonditi in un corso completo dedicato al Peak Performance Training che tratterà specialmente la gestione dello stress, della comunicazione e del gruppo oltre che l’analisi e il superamento delle disfunzioni individuate in un team. L’incontro è organizzato da PHI!Number con il sostegno di UVAI – Unione Vela d’Altura Italiana (www.uvai.it). L’accesso è gratuito fino ad esaurimento posti. link iscrizione
Dopo l’incontro di mercoledì 9 giugno PHI!Number, la società di servizi nata per gestire il “progetto vela” di armatori e regatanti che desiderano ottenere il meglio dalla propria imbarcazione adattando alle proprie esigenze le tecniche e le esperienze dei top team, dà appuntamento al prossimo autunno con nuove iniziative speciali.

Per informazioni www.phi-number info@phi-number.com

[ commenta ] ( 35 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1566 )
Cuori in azione - Aiutiamo i ragazzi di 5^ della Primaria di Pianello Lario 
Ricevo dall'amico Alessandro Castelli un accorato appello a diffondere tra gli appassionati di arte marinaresca, la lodevole iniziativa di un gruppo di ragazzi della scuola primaria di Pianello del Lario intenzionati a valorizzare il loro e nostro museo della barca Lariana. Tutto e' iniziato da un concorso nazionale, indetto dal FAI (Fondo Ambiente Italiano), che premiera' la scolaresca che ha eseguito la migliore ricerca sul tema: “Il Museo: intreccio di memorie, filo conduttore tra passato e presente.” Per sostenere l'iniziativa e' necessario il nostro contributo. Vi invito a votare anche voi, tramite il sito http://www.fondoambiente.it/faiscuola, andando in sequenza nelle sezioni: Concorsi nazionali -> Cuori in azione -> Inserisci la sintesi finale -> Lombardia -> e in fine cliccando "vota" sull’icona relativa alla scuola di Pianello Lario. Se i ragazzi di Pianello riusciranno ad aggiudicarsi il premio, la rilevanza che ne scaturirebbe sarebbe sicuramente graditissima ma avrebbe anche una grande utilità per il museo ai fini della sua riapertura al pubblico. Ecco la loro lettera di presentazione.

Il Bene scelto dalla Banda dei Laghée è il Museo della Barca Lariana che si trova nel Comune di Pianello del Lario (CO), allestito in una vecchia filanda dell' 800. Esso raccoglie una straordinaria collezione di cimeli che illustra la navigazione sul Lago di Como negli ultimi secoli. Purtroppo dal 2000 è chiuso al pubblico, perché non più adeguato alle esigenze di un moderno museo. Per tale motivo noi alunni di classe 5^ abbiamo voluto valorizzarlo facendolo conoscere alla comunità e sollecitando il proprietario e le autorità ad attivarsi al più presto per attuare quegli interventi necessari per la sua riapertura. Abbiamo affisso alla recinzione del Museo i disegni delle barche che raccoglie e il motto coniato dalla squadra, realizzato cartelloni che illustrano la sua storia e gli oggetti in esso presenti da collocare al Museo, nelle biblioteche e nei negozi, pubblicato parte della ricerca sul sito dell'Istituto e articoli su quotidiani provinciali e nazionali. Abbiamo inoltre incontrato e intervistato il proprietario, coinvolto le autorità locali e non e la comunità scrivendo delle lettere e raccogliendo le firme per sollecitare alla riapertura. Per realizzare il progetto è stata fondamentale la collaborazione con l'Unione dei Comuni Riviera del Bregagno, con Wanda ed Edoardo e l'Associazione Bella Pianello, con il Gruppo Alpini di Pianello, con i nostri collaboratori scolastici e i nostri genitori. Con tutte queste persone abbiamo stabilito uno scambio di servizi che ci impegniamo a rispettare.

[ commenta ] ( 37 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1588 )
11 Apr. - Lago di Viverone - Trofeo Zaccuti e zonale fireball  
“Una giornata memorabile” il commento del responsabile della flotta fireball di stanza a Viverone Filippo Baretti. E’ una vita che frequento questo lago perche’ qui ci sono gli amici che hanno condiviso con me le piu belle regate e in tanti anni non mi e’ mai capitato di trovare condizioni cosi favorevoli!” Per la verita’ la giornata e’ cominciata sotto una fitta pioggia terminata giusto in tempo per dare inizio alle procedure di partenza di contro il vento non e’ mancato. In occasione della prima prova spirava un nord/nord est d’intesita’ compresa fra 4 e 5 m/s che a tenuto sino alla fine permettendo alla flotta di completare il percorso in 55 minuti. Tra la prima e la seconda prova un salto di una trentina di gradi ha costretto il Comitato di Regata a riaggiustare la geometria operazione compiuta in pochissimo tempo grazie alla professionalità del posa boe Carlos Wenzel e ai fondali di questo grazioso laghetto di origine glaciale che ben si prestano a questo tipo d’operazione. Sotto il profilo dei risultati si segnala la vittoria dell’equipaggio composto dal responsabile di flotta Baretti Filippo e Comoli Davite, In seconda posizione Musso Enrico con il fratello Alberto, terzo Lavelli Renato con la sorella Elena. Contemporaneamente allo zonale si e’ svolta la regata sociale Trofeo Zaccuti assegnato quest’anno alla classe libera in quanto la 420 era impegnata a Mandello del Lario. Nella libera hanno partecipato poco meno di una decina d’imbarcazioni per lo piu derive. Vince il magnifico trofeo Zaccuti Prestipino Giorgio seguito a ruota da Grillo Carmelo (laser) e Vigo Ilaria (Europa). “La pioggia della prima parte della mattinata e le temperature ancora rigide nonostante la stagione, hanno scoraggiato gli armatori dei cabinati che solitamente partecipano in forza a questa sociale d’apertura. Nonostante cio’ posso ritenermi soddisfatto per come si sono svolti gli eventi. Un ringraziamento particolare alla terna dei giudici (Franca Vene’, Enea Beretta, Oliviero Taliani) che ha condotto la regata in modo egregio, all’assistenza in acqua e ai regatanti per la correttezza e simpatia dimostrata nei nostri confronti.” cosi il Presidente del Circolo Nautico Torino Fabrizio Pasturino in occasione della cerimonia delle premiazioni. Nel fotoalbum di lariovela i migliori scatti della manifestazione.
(Redazione Lariovela.it)


[ commenta ] ( 38 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1639 )
28 Marzo - Belgirate – Lago Maggiore - Velaleo 2010  
Una bellissima giornata di sole ha accolto domenica scorsa una ventina di imbarcazioni a vela giunte sulla sponda piemontese del Lago Maggiore per prendere parte alla veleggiata benefica “Velaleo” edizione 2010 promossa dalla locale sezione del Lions club Arona Stresa in collaborazione con il Centro Vela Sailing Team di Cerro di Laveno e con il patrocinio del Comune di Belgirate. Dopo una breve attesa per l'arrivo dell'inverna (vento termico da sub ndr) il comitato organizzatore ha dato il via alla prima prova che si e' disputata su un percorso a bastone di cinque miglia. La flotta costituita da derive tecniche e grossi cabinati ha preso il largo affrontando una navigazione tranquilla che ha permesso a tutti i partecipanti di godere delle bellezze del Verbano. Decisamente piu tecnica la seconda prova che ha richiesto scelte tattiche accurate e manovre precise stante la brevita' del percorso. La cerimonia delle premiazioni al termine della veleggiata presso l'Hotel Milano presieduta dal Presidente del Comitato Organizzatore Stefano Zonca e dal Sindaco di Belgirate Prof. Giorgio Pollini. Il ricavato della manifestazione ha sottolineato la responsabile del progetto Annalisa De Giovanni “una scuola per il Togo” sara' utilizzato per dotare la scuola ormai ultimata nel paese africano degli strumenti didattici necessari per dare inizio alle lezioni nella prossima stagione. In chiusura e' stato offerto un lauto rinfresco per tutti. Ecco i vincitori dell’edizione 2010 : ITA 2205 “Random” Marco Balodi, Nicholas Voessen, Michela Canelli, Lucia Zonca.
Nel FotoAlbum i migliori scatti di Lariovela


[ commenta ] ( 40 visite )   |  permalink  |   ( 3.1 / 1602 )

<<Prima <Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Altre notizie> Ultima>>