L’Affascinante mondo dell’intangibile di e con Enzo Di Vera 
Sessantuno anni psicologo esperto di formazione manageriale e sportiva vive a Vicenza sposato con un figlio ex sportivo di arti marziali. Cosi si presenta Enzo Di Vera ai tanti velisti giunti a Milano da ogni dove per sentirlo parlare di mental training. “Mi sono sempre chiesto come potevo fare per vincere cosi a trentacinque anni mi sono iscritto all’universita’ con l’obiettivo di individuare “la differenza che fa la differenza”. Comprendere a fondo i meccanismi del campione non campione e’ sempre stato il mio pallino. Ho lavorato negli anni ottanta con la Mediolanum Sport all’epoca di Fabio Capello. Con lui ho e con i suoi ragazzi ho condiviso i primi approcci di mental training. Per otto anni ho seguito la squadra del Milan rugby e poi la nazionale di sci. Lo psicologo dello sport spesso viene confuso con lo psichiatra (colui che si occupa della patologia) o quando va meglio con lo psicoterapeuta. Talvolta vengo indicato come il motivatore anche se per la verita’ mi sentirei meglio se mi indicassero come sostenitore del team. Il processo di potenziamento interiore e’ un percorso abbastanza lungo e non senza ostacoli. Pensate sia semplice far recuperare ad uno sciatore quei quattro centesimi che fanno la differenza? Avete idea di cosa siano in termini di lunghezza quattro centesimi? Semplicemente una punta di sci eppure ci sono campioni che quella punta riescono sempre a portarla davanti agli altri. Cos’e’ che fa la differenza? Un bambino piccolo ha una sensazione di onnipotenza che pian piano l’ambiente e le persone lo condizionano. Figli di genitori depressi saranno sicuramente depressi. Quante volte avete detto ai vostri figli “lascia stare che sei troppo piccolo” ecco sappiate in quel momento voi avete creato le basi della fragilita’ dei vostri figli! Fortunatamente nello sport c’e’ stato chi ha creduto nello sviluppo delle qualita’ psichiche. Se ci fate caso i campioni hanno tutti gli stessi atteggiamenti. Per esempio quando si allenano e’ come se fossero realmente in gara. Dobbiamo partire dal concetto che ognuno di noi ha talento ma cio’ che serve e’ trovare la chiave per farlo uscire. Questo concetto e’ ancora piu’ valido se si va a lavorare con la disabilita’ sia fisica che mentale. Ho visto un cieco fare slalom con gli sci usando pochissimi ausili (un solo cicalino per segnalare la fine della porta). Si puo’ essere vincenti senza vincere? Se in coscienza ho utilizzato tutte quante le mie abilita’ per vincere ma sono arrivato ultimo si per me questo e’ comunque un vincente! Ci sono campioni che hanno le capacita’ fisiche ma non vincono perche manca loro la motivazione. La bravissima Schiavone quando s’e’ trovata in difficolta’ verso la fine del set non ha guardato avanti e neppure indietro ma si e’ concentrata su se stessa (“ho fatto un bel respiro” ha dichiarato nell’intervista) ritrovando in tal modo la sua giusta concentrazione. Si puo’ dunque allenare l’intangibile? Un pensiero una emozione una sensazione si possono allenare? L’Atleta che riesce a mettere il cuore dentro l’ostacolo raggiunge piu facilmente il suo obiettivo. Coscienza di se: Sappiate che il limite fisico e’ di 400 volte quello sensoriale.Quante flessioni pensate di riuscire a fare? Due, tre ,cinque ebbene il vostro fisico ne potrebbe fare molte di piu. Si parla di Peak Performance quando ci si trova in uno stato magico dove tutto fila per il meglio. Percezione soggettiva: (equilibrio fra abilita’ e sfida) La peak la si raggiunge quando esiste almeno una percentuale del 50% di riuscire ad arrivare primi. Vincere facile o partire perdenti non ci aiuta a trovare lo stato mentale definito Flow. Attenzione anche a dire “impossibile” perche in questo modo la profezia si autodetermina. La mia testa elabora cio’ che mi sono detto. L’atleta vincente dunque e’ una persona normale psicologicamente superiore capace di ottimizzare il proprio potenziale. L’Atleta dal punto di vista dello psicologo dello sport deve essere visto come un sistema composto da: LAVORO (allenamento, gara, pianificazione etc. etc), SOCIALE (rapp. Sociali, rapp, con se stesso, famiglia, sponsor, tifoseria etc) HOBBY (lettura, musica etc) SALUTE (fisica, emotiva, spirituale, morale). Il sistema atleta si deve integrare perche’ possa dare il massimo rendimento. In definitiva il talento si esprime se il carretto che sostiene l’atleta ha tutte le ruote gonfie. Tutte queste aree devono essere presidiate e quando tutto e’ per il meglio la differenza la fa un singolo pensiero. Scegliamo un atleta tra di voi che ha fatto qualche buon piazzamento (in sala c’e’ l’equipaggio che ha vinto la nazionale melges 24. Gli astanti insistono che ci vada uno di loro ndr) L’esperimento consiste nel valutare la forza di reazione su un braccio esercitata verso il basso dall’esaminatore in due diversi momenti. Nel primo caso chiediamo all’atleta di rivivere il suo momento di gloria e solo quando si trova in questo stato iniziamo l’esperimento. Ebbene il braccio reagisce talmente bene che l’esaminatore ha difficolta’ a piegarlo di 15 di gradi. Torniamo sull’atleta e chiediamogli di vivere la sua peggiore prestazione e solo quando si trova in questo stato mentale iniziamo l’esperimento. Tutti in sala hanno potuto constatare che in questo secondo caso il braccio dell’atleta ha subito una flessione di oltre 45 gradi.
Queste abilita’ mentali vanno allenate formulando degli obiettivi ma attenzione! Spesso l’obiettivo finale e’ il solo risultato. Sono bravo se vinco. Questa scelta genera ansia e l’ansia non permette di raggiungere lo stato di peak performance. L’attivazione emotiva dell’energia attraverso il training mentale permette di controllare l’ansia. I Processi attentivi o focus attentivi ci forniscono la capacita’ di stare dentro o fuori lo stato di peak controllando lo stress. Attenzione che senza una giusta dose di stress la prestazione si abbassa (stress vitale e positivo) l’eccesso pero’ genera panico, terrore. Ecco che in questo caso diventa vitale avere il controllo delle attivita’ immaginative (rappresentazione mentale delle immagini) Facciamo un esempio se io vi dicessi chiudete gli occhi e NON pensate a un elefante rosa sulla cui proposcite e’ avvinghiata una scimmietta blu. Buona parte di voi nonostante vi avessi detto di NON vedere avete esattamente visto la scena che vi ho descritto. Vedete come e’ suscettibile la nostra mente! Se non voglio vedere l’elefante la cosa migliore e’ cercarsi una distrazione. Se dico a me stesso non voglio essere nervoso ecco che la mia testa elabora in negativo. Meglio dunque focalizzare la nostra attenzione su “voglio essere rilassato e tranquillo”. Il controllo dei pensieri e’ una attivita’ di primaria importanza. Come si allena il fisico per raggiungere lo stato motorio ottimale cosi si deve fare anche per la mente. Allenamento psichico, riflessione e rappresentazione delle persone, colloquio e comunicazione. A tal proposito una curiosita’ che molti di voi non conoscono. E’ stato scientificamente provato che piu del 90% della comunicazione non e’ un fatto verbale ma di gesti, inflessioni del viso dal tono di voce etc. Per ottimizzare cio che siamo e non cio’ che vorremmo essere e’ necessario osservare gli avversari. L’allenamento mentale in definitiva ci aiuta a trovare il modo per parlare a noi stessi e a rappresentare gli altri”. (Chiedo venia al relatore e a tutti voi per le tante imprecisioni od omission riportate in questa relazione. Semmai foste interessati a sviluppare gli argomenti fin ora abbozzati vi invito a contattare i responsabili di Phi!Number o il relatore stesso. Chissa’ che non ne nasca un vero e’ proprio corso strutturato? ndr)
(enea beretta Lariovela.it)

[ commenta ] ( 9 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1600 )

<<Prima <Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Altre notizie> Ultima>>