Computational Fluid Dynamics una serata in compagnia degli ingegneri Ignazio M. Viola, Raffaele Ponzini, Guido Cavallazzi 
Una sala gremita di appassionati velisti ha accolto con un fragoroso applauso i relatori dell’interessante serata dedicata alla Computational Fluid Dynamics (CFD) che Phi!Number Societa’ milanese che si occupa di consulenza nel campo delle regate ha organizzato presso Fiori Oscuri, location situata nel rinomato quartiere degli artisti di Brera in Milano. La serata e’ stata condotta nella prima parte in tele-conferenza dall’Ing. Ignazio Maria Viola dall’Universita’ di Auckland dove attualmente e’ impegnato in un progetto che vede la compartecipazione del Politecnico di Milano per lo sviluppo dell’analisi numerica della resistenza di carena e della pressione esercitata sulle vele in collaborazione con Emirates Team New Zealand Una voce giovanissima giunge dall’altra parte dell’emisfero e in effetti l’Ing. Viola e’ del 1976 e si e’ laureato presso l’universita’ di Genova solo nel 2001. Nonostante cio’ basta scorrere il suo curriculum vitae per rendersi conto di aver a che fare con un vero e proprio enfant prodige. Sono innumerevoli le sue pubblicazioni e le sue esperienze in campo industriale sono significative senza contare le collaborazioni con la maggior parte dei sindacati di Coppa America per l’ottimizzazione di scafi e vele innovative. La materia come c’era d’aspettarselo non e’ di facile comprensione nonostante cio’ l’Ing. Viola affronta l’argomento utilizzando un lessico semplice con esempi ed animazioni presi dalle sue ricerche cosi che tutti o quasi, riescono a capire anche se a grandi linee qualche aspetto di fluido o aerodinamica computazionale. Utile l’introduzione storica che ha permesso di comprendere come la CFD e’ stata per anni materia per soli scienziati dove pochissimi tra cui Viola avevano inteso le sue grandi potenzialita’. Per migliorare le prestazioni idrodinamiche degli scafi o aerodinamiche delle vele si lavorava su modelli matematici molto semplificati (a pannelli) anche perche’ le potenzialita’ dei sistemi di calcolo non permettevano di scendere troppo nello specifico. Si tento’ di lavorare su modelli discreti adottando metodologie euristiche ma ben presto ci si rese conto che i modelli non davano significativi contributi alla risoluzioni dei problemi piu scottanti. Gli ingegneri nautici e i sails designer lavoravano molto in galleria del vento o nelle vasche di prova che nel frattempo si dotavano dei sistemi piu avanzati di sensoristica.. La svolta che porto’ all’utilizzo della CFD avvenne pochi anni fa quanto la potenza di calcolo dei supercomputer paralleli riusci’ a risolvere le matrici complesse composte da milioni di dati discreti. Si riusci’ in tal modo ad analizzare anche le piccole turbolenze che avvengono nella zona di distacco dei flussi laminari delle vele o degli scafi. Questa innumerevole mole di dati fu data in pasto ai processori VPP che finalmente riuscirono a funzionare bene fornendo dati utili ad ottimizzare scafi e vele. Oggi mediante le due tecniche e’ possibile modificare il disegno di un profilo e vedere immediatamente come influisce sulle prestazioni dell’imbarcazione. Naturalmente le gallerie del vento o le vasche non verranno mai soppiantate ma certamente si utilizzeranno in modo piu consapevole. Naturalmente l’Ing Viola ha lavorato in questi anni con stimati Colleghi come Raffaele Ponzini presente in sala e che ha sviluppato ulteriormente l’argomento CFD. La serata si e’ chiusa con l’interessante esposizione di Guido Cavalazzi la “voce della pratica” consulente per North Sails Italia che vanta un palmares ineguagliabile; da Azzura a Luna Rossa, ha seguito anche i progetti per Il Moro di Venezia e Young America. Nella sua lunga carriera di sails designer ha sviluppato vele non solamente per le grosse imbarcazioni ma anche per un numero significativi di monotipi. Appassionato velista Cavallazzi nella sua esposizione ha ammesso che la CFD ha totalmente cambiato il modo di lavorare nelle velerie. Prima il velaio custodiva gelosamente le sue “ricette” frutto di anni di esperienza, oggi la CFD ha permesso a questi professionisti di comprendere meglio le motivazioni del loro agire. Oggi si lavora molto di piu’ sui materiali e sulle tecniche costruttive, lasciando il disegno delle forme ai matematici. E’ un circolo virtuoso dove l’armatore sa che per ottenere buoni risultati si deve affidare a un buon velaio che tra l’altro e’ l’unico in grado di capirlo a fondo. Queste informazioni filtrate vengono passate al matematico che le utilizza per costruire il modello piu congeniale per l’applicazione specifica. Le informazioni di nuovo tornano in veleria dove enormi macchine a controllo numerico ricostruiscono le forme del modello su cui vengono posizionati i filati e gli strati di materiali esotici. Le vele subiscono processi di incollaggio e pressatura prima di essere rifinite con tutto il necessario per essere impiegate in mare. Per quanto riguarda gli scafi la metodologia e’ analoga anche se naturalmente i processi si differenziano. In definitiva la tecnologia ha invaso tutti i processi produttivi ma l’intervento dell'Esperto rimane determinante. La missione di Phi!Number e’ di fornire all’armatore gli strumenti per colloquiare utilmente con tutti i professionisti che a vario titolo intervengono nella filiera delle competizioni veliche a medio e alto livello.
(enea beretta Lariovela.it)

[ commenta ] ( 37 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1635 )

<<Prima <Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Altre notizie> Ultima>>