RRPB - Regate e Relax a Pescallo di Bellagio 
Due giorni splendidi di sole e relax all’interno dei giardini di Villa Gilardoni per gli atleti del Lario in occasione della terza tappa del Campionato Velico del Lario ORC. La mattinata del Sabato e’ iniziata con una bella passeggiata sul noto promontorio spartivento di Bellagio che ospita Villa Serbelloni di proprietà della fondazione Rokefeller e un giardino con essenze provenienti da ogni parte del mondo. Niente di meglio per tenere sottocchio l’arrivo della breva su entrambi i rami del lago di Como. Di ritorno dalla passeggiata la regata lunga sulla rotta Pescallo Acquaseria e ritorno con poca aria per la verità in occasione della partenza ma un buon vento sul tratto da punta spartivento e Acquaseria. A avere la meglio nel gruppone dei Club Tomaso Gariboldi sul Fantaghiro ITA 24014 che completa il percorso in due ore undici minuti e ventisette secondi in compensato. Sul secondo gradino del podio Stefano Dalle Donne su Catmaz ITA 17 che giunge con venti minuti in compensato dal primo a chiudere il podio Boracchi Federico sul Luna ITA 3301 con quaranta minuti in compensato dal primo. Non e’ mai stato facile regatare nel centro lago ma in questo caso e’ stato ancora piu complesso per i continui salti di vento presso il promontorio Bellagino. Si sa che le regate lunghe si vincono tenendo saldi i nervi e cosi e’ stato. Una buona partenza anche per i ragazzi del Tutor 23 entrati a far parte della famiglia del CVL proprio in occasione della tappa bellagina. Peccato che non conoscendo questa porzione di lago si siano infilati nel classico cul-de-sac che li ha letteralmente sparati in direzione opposta alla regata. Poco male si faranno in occasione della tappa di Dongo li il il campo di regata e’ piu regolare dunque avranno sicuramente la possibilità di farsi valere. Rientrati dalla lunga la flotta si e’ potuta ristorare nei giardini di Villa Gilardoni in attesa della cerimonia del toc la classica polenta che si mangia tassativamente con le mani e che prevede nel proseguo la chiusura con una bella bevuta di Regel come digestivo. A presiedere la cerimonia il noto shef bellagino Angelo Becci che ci ha deliziato oltre che con la Sua polenta anche con buoni racconti di Amici e Amicizie mentre il sole scemava e i tavoli venivano illuminati dalle candele e dalla deliziosa presenza della padrona di cassa Sissi. “Ogni anno cerchiamo di raccontare la poesia di questo posto ma la cosa migliore e’ certamente viverla di persona questa meravigliosa festa” cosi uno dei convenuti. Domenica la situazione si e’ presentata da subito piuttosto complessa per la scarsita' d’aria cosi il comitato di regata presieduto da Antonio Giovenzana coadiuvato dall’Amico Maurizio Garbujo pilotina del CVL alla mano ha spostato il campo delle tecniche presso Villa Gaeta sulla sponda occidentale del Lario. Campo di regata a bastone con cancello intermedio per poter prendere i tempi ed eventualmente fermare la regata.


Qui sopra gli equipaggi di Fantaghiro; Catmaz e Luna
Una prova sola disputata ma molto interessante per la presenza di una breva distesa sui sette/otto nodi. Ad avere la meglio sulle tecniche per il gruppo club Stefano Dalle Donne su Catmaz ITA 17 seguito da Gariboldi Tomaso Fantaghiro ITA 24014 e a chiudere Federico Boracchi su Luna ITA 3301. Nella OD sia offshore che inshore dominio incontrastato di Bruschetta Guastafeste J24 delle sorelle Ciceri ITA469.
Qui le foto a cui si uniranno quelle del fotografo ufficiale della flotta. La quarta tappa e prevista per il 2 e 3 di Luglio presso l’Affiliato Marvelia di Dongo. Al termine delle prove di sabato pomeriggio la flotta sarà ospite del Museo della Barca Lariana. Una bella occasione per gli Atleti del Lario per fare visita alle imbarcazioni che hanno fatto la storia della navigazione lacuale.



[ commenta ] ( 4 visite )   |  permalink  |   ( 3.5 / 52 )

<Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Altre notizie> Ultima>>