Chi e’ e cosa fa il Navigatore di Bordo? 
A queste domande ha dato risposta l’Ing. Bruno Zirilli uno dei piu quotati professionisti del settore invitato da Duccio Colombi della Phi!Number in occasione degli incontri che la neonata azienda di consulenza milanese ha messo a disposizione degli appassionati velisti lombardi. L’ing Zirilli ha svolto il suo lavoro con il team di +39 in occasione della 32ma America's Cup e vincitore della tappa di Nizza del Louis Vuitton Trophy con il team Azzurra. Phi!Number precisa Duccio Colombi nella presentazione "supporta gli armatori nelle scelte strategiche in tutte le aree di competenza in modo professionale e a costi definiti. Si occupa anche della logistica predisponendo per loro i trasferimenti dell’imbarcazione e dell’equipaggio. Cura le comunicazioni con gli enti organizzatori delle Regate e predispone una attenta formazione dell’equipaggio. Seleziona per gli stessi i migliori professionisti del settore". Un lavoro delicato che nasce dalla grande esperienza dei due soci fondatori destinato a nostro avviso a lasciare un'impronta importante nella vela a medio e alto livello. Lariovela era presente a quell’incontro che ha visto tra l’altro la partecipazione di equipaggi di tutto rispetto giunti a Milano per conoscere Zirilli e sostenere nel contempo la bella iniziativa di Phi!Number. Ma vediamo nel dettaglio quanto e' stato riferito dal professionista:
Una figura complessa quella del navigatore a bordo di imbarcazioni da regata. Non e’ un tattico perche’ quel lavoro e’ svolto dallo stratega, non un tecnico perche’ gli strumenti di norma vengono installati dagli specialisti delegati dalle case produttrici. Nella realtà il navigatore e’ un po dell’uno e un po dell’altro. Spesso quel ruolo non e’ nemmeno cosi chiaro e questo importante compito viene assegnato all’informatico di turno che nella migliore dell’ipotesi riuscira’ a far funzionare discretamente il software ma non sara’ in grado di trarne vantaggio per l’equipaggio. Ma quali sono i suoi interlocutori e come avviene la comunicazione a bordo? Il navigatore comunica soprattutto con il tattico poi in particolari circostanze anche con il timoniere. L’affiatamento tra queste figure e’ indispensabile, si utilizza un frasario particolare ma molto spesso ci si intende anche a gesti o semplici occhiate per non rischiare di rivelare i piani di battaglia al “nemico” se si trova nelle vicinanze. Il navigatore per svolgere il proprio compito fa uso di software specifici che gli permettono ricostruire in forma numerica tutto quanto accade sull’imbarcazione e sul campo di regata. Il software e’ interfacciato con la strumentazione di bordo classica: anemometro, bolinometro, bussola, gps, etc. etc. ma sempre piu spesso anche con una raffinata sensoristica. Le manovre fisse fanno capo a celle di carico per la misura delle compressioni, la timoneria e’ collegata ad un sofisticato misuratore angolare e cosi per altre manovre carrelli compresi. Riuscire a calibrare tutti questi strumenti e’ il primo compito del navigatore ecco perche’ deve imbarcarsi con largo anticipo sul resto dell’equipaggio. Le regolazioni dinamiche (settaggi) devono avvenire in navigazione impensabile dunque uscire cinque minuti prima del segnale di partenza perche’ i dati risulterebbero totalmente inattendibili. Una regolazione fatta il giorno prima puo’ risparmiare un po di tempo ma non sostituisce la fase di preparazione che e’ funzione delle condizioni meteomarine del momento. Quando tutto e’ a puntino allora dovra’ dedicarsi allo studio dello scenario (geometria del campo, posizione della linea, condizione meteo) ritoccando se del caso le calibrazioni. Nulla deve essere lasciato al caso perche se dovessero sorgere dubbi circa la corretta interpretazione degli strumenti tutto il lavoro andrebbe perduto. Nella fase di prepartenza il prodiere prende i riferimenti a terra per la linea ma il navigatore deve sapere al metro dove si trova l’imbarcazione rispetto al campo. E’ necessario che provveda ad inserire i dati dei mark forniti dal Comitato di Regata e nel caso questi non siano disponibili, essere pronto a rilevarli sul campo. Nell’ultimo minuto riferisce al timoniere la posizione dell’imbarcazione rispetto alla linea per es. Cinque lunghezze sotto a meta’ linea. La stima dei tempi e’ determinante per una buona partenza ma cio’ e possibile se si conoscono anche i tempi di evoluzione dell’imbarcazione nelle diverse situazioni di mare e di vento. Tutti dati che sono stati precedentemente mappati ed inseriti nel software. Un buon navigatore deve essere flessibile nel senso che su indicazione del tattico deve essere in grado di ricostruire lo scenario di partenza nel caso si presenti l’imprevisto e cio’ accade assai spesso. Sul bastone la comunicazione si fa piu rada il tattico vuole conoscere la geometria per stabilire i punti di vira. La posizione della boa uno e’ sotto stretta sorveglianza il software all’occorrenza con una triangolazione e’ in grado di stabilire le coordinate geografiche al metro nonostante cio’ la bussola di rilevamento e’ a disposizione del navigatore semmai ne sentisse la necessita’. La situazione meteo e’ sovrapposta ai dati di navigazione per poter scegliere le zone di mare piu favorevoli ad una navigazione veloce in base alle polari precedentemente mappate. Il navigatore con i suoi strumenti pianifica le virate raccogliendo nel frattempo i dati per le scelte che il tattico fara’ sulle andature portanti. Previsioni del vento e crossover alla mano (diagrammi delle diverse vele imbarcate forniti dalla veleria ndr) gli permettono di consigliare per tempo i cambi di vela. Nelle regate costiere il suo lavoro diventa ancora piu complicato perche’ oltre alla meteorologia generale si deve occupare anche dei fenomeni locali prestando attenzione all’orografia. In definitiva un ruolo di primaria importanza quello del navigatore che non puo essere affidato ad una persona che non dispone di adeguata formazione. L’Ing Zirilli e Phi!Number terranno un corso per coloro che desiderano entrare a pieno titolo in questo affascinante mondo delle regate ad alto livello. Agli interessati consigliamo di consultare le pagine dedicate sul sito di Phi_Number.
(enea beretta Lariovela.it)

[ commenta ] ( 43 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 1485 )

<<Prima <Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Altre notizie> Ultima>>