1° tappa Puthod e De Felice la spuntano nelle tecniche, De Amicis e La Cerra campioni nella offshore 
Comincia sotto i migliori auspici il Campionato Velico del Lario 2017 con la prima tappa disputatasi tra Valmadrera e Pescallo di Bellagio. Nonostante le pessime previsioni meteo la flotta e’ stata graziata con due giornate soleggiate e calde. Il vento che non e’ mai mancato a parte qualche capriccio nella giornata di sabato, ha permesso di completare tutte le prove in programma.
Sabato 1 aprile si sono disputate due prove tecniche nel campo di regata classico bastone con offset fra il Moregallo e la Baia Parè. Diciassette le imbarcazioni partecipanti suddivise in due raggruppamenti: A+B,C.
Acerrima battaglia a colpi di raffinate scelte tattiche nel Gruppo A+B dei tre Soling: l’ha spuntata Pierluigi Puthod con il suo Whisky 7 new entry del cvl tallonato da Federico Boracchi ed Alberto De Amicis veterani che chiudono ripettivamente 2° e 3°. Vende cara la pella anche il J24 Bruschetta Guastafeste di Sergio Agostoni sempre alle calcagna dei tre agguerriti Soling.
Nel gruppo C delle tecniche si è conclusa a pari punti la sfida fra il First 210 Dolasilla di Alessandro De Felice e Gullisara il minitonner di Andrea Ratti tallonati da Sob Sob, lo Stag 24 di Fabrizio Ravasi.
Domenica regata lunga (offshore) sulla rotta Valmadrera Pescallo di Bellagio con un cancello a metà percorso. Nel gruppo A+B i tre Soling prendono da subito la testa tallonati dal solito J24 Bruschetta Guastafeste seguito dai Meteor di Marvelia che presa confidenza con il mezzo mostrano di avere tutte le carte in regola per diventare pericolosi. All’arrivo a Pescallo un errore tattico di Puthod permette ad Alberto De Amicis di avvantaggiarsene. Nel gruppo C dura battaglia fra Dolasilla e Gullisara ma nelle retrovie La zia che quest’anno sfoggia un simmetrico di tutto rispetto, rosicchia lunghezze sugli avversari. Al cancello di Onno Dolasilla taglia davanti a Gullisara poi inspiegabilmente prende il bordo di destra. Gullisara interpreta meglio il campo e si tiene a sinistra. Al traverso di Lierna il sorpasso in tempo reale ma non in compensato. Se ne avvantaggia intelligentemente LaZia, l’Illimit di Claudio La Cerra che vince la prova dimostrando a tutti che in classe ORC si puo’ vincere anche con piccole imbarcazioni se si interpreta bene il campo e non si fanno errori.Al termine della prova durata circa 2 ore su un percorso di 9 miglia tutti i regatanti sono stati calorosamente ed amichevolmente accolti nella bellissima cornice della Villa Gilardoni Circolo Vela Pescallo che ha magistralmente organizzato un rinfresco e le premiazioni, rendendo la giornata particolarmente piacevole.Il prossimo appuntamento sarà dal 29 aprile al 1 maggio a Dervio per la seconda tappa in abbinamento al Campionato Nazionale Minialtura Area Laghi. Guarda il video

[ commenta ] ( 26 visite )   |  permalink  |   ( 3 / 165 )

<Indietro | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Altre notizie> Ultima>>